Preventiva escussione del debitore ceduto? No, se la cessione del quinto è pro solvendo

“…La cessione del debito è avvenuta pro solvendo, senza alcun effetto liberatorio del debitore ceduto. Ne consegue che, come argomentato dall’opposta, il […] e l’Inps sono condebitori solidali, nei cui confronti il creditore può agire indifferentemente per il recupero del proprio credito“.

Questo è quanto affermato dal Tribunale di Napoli con sentenza emessa a definizione di un giudizio in cui l’opponente aveva eccepito che la Banca doveva preventivamente azionare la pretesa creditoria nei confronti dell’Istituto Previdenziale.

La ragione, spiega il Giudice partenopeo, dipende dal fatto che la cessione del quinto è avvenuta pro solvendo, con la conseguenza che il debitore ceduto e il cedente devono necessariamente essere considerati condebitori solidali.

Pertanto, conclude il Tribunale, il creditore potrà rivolgersi indifferentemente sia nei confronti del cedente sia dell’istituto di Previdenza, poiché nel caso di specie la legge non richiede alcuna preventiva escussione del debitore ceduto.

Tribunale di Napoli, 10 luglio 2017, n. 7922

Francesco Concio – f.concio@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Il Tribunale di Vallo della Lucania ha rigettato un ricorso ex art. 700 c.p.c., finalizzato ad otten...

Credito Al Consumo

Una recente sentenza di merito si è espressa in tema di chiarezza delle clausole che disciplinano g...

Credito Al Consumo

Il Tribunale di Fermo, con sentenza n. 377 del 23.5.2018, è tornato a pronunciarsi in tema di claus...

Credito Al Consumo