Perenzione del precetto, le relative spese non sono dovute dal debitore

Nella sentenza in commento il Tribunale condannava un avvocato al pagamento delle spese di lite in favore di un condominio ed in forza di tale titolo il condominio notificava all’avvocato atto di precetto che non veniva tempestivamente posto in esecuzione e cadeva, pertanto, in perenzione.

L’avvocato versava una somma di denaro corrispondente al solo capitale, e non anche I.V.A., c.p.a. e successive occorrende come previsto nella sentenza emessa dal Tribunale.

Il condominio notificava, quindi, un secondo atto di precetto che comprendeva anche le spese maturate nel primo precetto notificato e non posto in esecuzione.

Avverso tale atto l’avvocato proponeva opposizione che veniva accolta dal Giudice di Pace, ma riformata, in seguito, dal Tribunale che condannava l’Avvocato al pagamento della residua somma richiesta dal condominio e non corrisposta.

L’avvocato provvedeva, pertanto, ad attivarsi con un ricorso in Cassazione e denunciava l’errore in cui il Tribunale sarebbe incorso violando il principio secondo cui, una volta intervenuta la perenzione del precetto, le relative spese non sono dovute.  In forza di tale motivazione, infatti, il debitore non sarebbe stato tenuto alla corresponsione delle occorrende spese.

A parere della Suprema Corte il ricorrente travisava il contenuto della sentenza emessa dal Tribunale che riteneva legittima l’emissione del secondo atto di precetto unicamente per il pagamento della parte dell’originario credito rimasto insoddisfatto (I.VA., C.p.a. e rimborso generale).

Alla luce di ciò, con sentenza n. 26610/16, la Suprema Corte rigetta il ricorso.

Cass., Sez. II, 21 dicembre 2016, n. 26610 (leggi la sentenza)

Maria Rosaria Carfora – m.carfora@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

L’orientamento ormai costante della giurisprudenza di merito, ha nuovamente confermato con la sent...

Diritto Processuale Civile

Con sentenza n. 1783/17 depositata lo scorso 24 gennaio, la Corte di Cassazione statuisce in merito ...

Diritto Processuale Civile

L’affermazione per cui l’errore materiale determini l’invalidità del deposito telematico e ch...

Diritto Processuale Civile