Ordinanza Trib. Piacenza 29.10.2010

La perizia contrattuale si differenzia dall’arbitrato irrituale solo per l’oggetto del contrasto che le parti intendono risolvere, in quanto viene negozialmente conferita ad un terzo – scelto per la particolare competenza tecnica, non già la composizione di contestazioni insorte o che possono insorgere in ordine al rapporto giuridico – la formulazione di un apprezzamento tecnico, che le parti si impegnano ad accettare come espressione della loro determinazione volitiva.

In entrambi i casi, peraltro, l’inquadramento va fatto nell’ambito del mandato finalizzato a risolvere una lite su basi conciliative-transattive, creando un nuovo assetto di interessi, e la differenza tra le due figure non incide sul regime impugnatorio delle decisioni dell’arbitro o del perito tecnico.

 

(Aurelio Pensabene – a.pensabene@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Cass., sez. I, 16 novembre 2015, n. 23402 (leggi la sentenza) Come noto, l’istituto dell’arbitr...

Arbitrato e Riti Alternativi

Tribunale di Roma,  XIII sezione civile, 29 settembre 2014 L'art. 5, comma 2 - bis , D.Lgs. 28/2...

Arbitrato e Riti Alternativi

Lo scorso 12 settembre è stato pubblicato sulla G.U.il Decreto Legge n. 132 – dal titolo: “M...

Arbitrato e Riti Alternativi