Opposizione all’esecuzione, solo appello contro la sentenza di primo grado!

L’identificazione del mezzo di impugnazione contro un provvedimento giurisdizionale deve essere valutata esclusivamente con riferimento alla qualificazione operata dal giudice “a quo”, a nulla rilevando la qualificazione operata dalle parti.

Inammissibile è pertanto il ricorso in Cassazione quando la sentenza impugnata è emessa in materia di opposizione all’esecuzione ex art 615 c.p.c. in primo grado. La sentenza è impugnabile in appello.

Nel caso di specie veniva proposta opposizione avverso l’intimazione di pagamento contenuta in una cartella di pagamento del locale agente di riscossione fondata su crediti di titolarità del Comune avente ad oggetto sanzioni amministrative per violazione del codice della strada. L’opposizione all’esecuzione e agli atti esecutivi veniva rigettata dal Giudice di Pace perché considerata tardiva. Veniva allora proposto ricorso in Cassazione ove il ricorso veniva cassato con rinvio.

La causa veniva riassunta innanzi al Giudice di Pace che qualificava il ricorso come opposizione ex art. 615 c.p.c. ed accoglieva il ricorso dichiarando prescritto il credito ed estrometteva dal giudizio l’agente di riscossione, ponendo a carico del Comune le spese processuali. Avverso tale decisione veniva proposto ricorso in Cassazione.

La Corte di Cassazione dichiarava l’inammissibilità del ricorso, confermando la consolidata giurisprudenza in materia, in quanto la sentenza pronunciata in materia di opposizione all’esecuzione, in primo grado, può essere impugnabile esclusivamente con l’appello.

La Corte precisava altresì che l’identificazione del mezzo di impugnazione esperibile contro un provvedimento giurisdizionale deve essere operata con riferimento esclusivo alla qualificazione dell’azione proposta operata dal giudice “a quo”. In mancanza della qualificazione operata dal giudice la stessa dovrà essere fatta dal giudice innanzi al quale verrà proposta l’impugnazione, ma mai dalle parti.

Cass., Sez. VI-3 Civ., 05 giugno 2018, ordinanza n. 14302

Sara Rovigo – s.rovigo@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

L'ordinanza che dichiara la chiusura anticipata della procedura esecutiva per infruttuosità, ai sen...

Diritto dell'esecuzione Forzata

Non possono essere sottoposti ad esecuzione immobiliare i beni situati in Italia ma appartenenti a S...

Diritto dell'esecuzione Forzata

Le vendite immobiliari, anche per le procedure esecutive già pendenti, soggiacciono alle modifiche ...

Diritto dell'esecuzione Forzata