Milano online

Nel corso dell’attuazione dei programmi di innovazione dei servizi è stato completato il processo di digitalizzazione della lavorazione dei decreti ingiuntivi. A partire dal 2 gennaio 2018, pertanto, presso il Tribunale di Milano i decreti ingiuntivi sono esclusivamente online.

Ciò segna, con riferimento ai servizi di richiesta e rilascio copie autentiche e formule, il definitivo abbandono degli originali cartacei. Infatti, benché da tempo l’intera procedura relativa ai decreti ingiuntivi fosse ormai obbligatoriamente telematica in ogni sua fase, si era continuata a mantenere la raccolta degli “originali cartacei” di tutti i decreti emessi.

Ora, a partire dalla data citata, le copie autentiche esecutive e non esecutivi dei decreti ingiuntivi verranno estratte direttamente e soltanto dall’originale telematico; a loro volta, le annotazione di cancelleria, dovranno essere effettuate esclusivamente sul Sicid (Sistema Informativo Contenzioso Civile Distrettuale)[1].

Da un punto di vista prettamente pratico, dunque, dal 2 gennaio gli avvocati che vogliono richiedere le copie esecutive e non esecutive di un decreto ingiuntivo devono compilare un apposito modulo, da inserire in un contenitore, previa applicazione ed annullamento delle marche.  Non è quindi, necessario accedere alla cancelleria. Soltanto in caso di copie urgenti, l’ufficio competente rilascerà subito quanto richiesto.

Anche per la richiesta di informazioni sullo stato della procedura, non è più consentito l’accesso in Cancelleria; pertanto, nei casi indispensabili, ovvero qualora l’informazione non sia desumibile dal fascicolo informatico, le informazioni potranno essere richieste per telefono o via mail (decreti.ingiuntivi.tribunale.milano@giustizia.it).

Per un maggior approfondimento, le linee guida sulla nuova organizzazione sono contenute nella documentazione scaricabile dal sito dell’ordine degli avvocati di Milano.

[1] È l’applicativo in uso alle cancellerie che gestisce i registri contenzioso, lavoro e volontaria giurisdizione.

Giulia Martucci – g.martucci@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Con ordinanza n. 24081 emessa in data 3 ottobre 2018, la Suprema Corte si è pronunciata nuovamente ...

Diritto Processuale Civile

La Suprema Corte si è espressa di recente in tema di compensazione delle spese legali, ponendo di f...

Diritto Processuale Civile

Il Giudice che, nel pronunciare la sentenza ometta totalmente di indicare una delle parti costituite...

Diritto Processuale Civile