L’obbligo di riconsegna dell’immobile nell’ambito di un contratto atipico diverso dalla locazione

Diversamente che nell’ambito contratto di locazione, ove la prova della riconsegna dell’immobile grava sempre sul subconduttore – eventualmente anche attraverso una “seria offerta formale” dell’immobile, ex. art. 1209 cod. civ. -, nell’ambito di un contratto atipico che, seppur simile alla locazione, risulti in realtà atipico e quindi non sussumibile nella fattispecie tipica, il medesimo onere probatorio grava invece sul conduttore.

Questo, in sintesi, quanto affermato dalla recente Cass. civ. , sez. III, del 29 novembre 2016, n. 24176.

Nel caso portato all’attenzione della Corte, infatti, le parti coinvolte nella controversia avevano stipulato un contratto diverso dalla locazione, che solo indirettamente richiamava alle regole della fattispecie tipica.

Nel contratto di locazione, infatti, la prova della liberazione dell’immobile, quale fatto costitutivo della domanda e pretesa sostanziale, grava sul subconduttore e non sul locatore.

Nel caso sottoposto all’attenzione della Corte, invece, si discuteva di un contratto diverso, in quanto non assimilabile allo schema del do ut des, bensì al diverso schema del do ut facias. In virtù di tale contratto, infatti, una parte (neo acquirente di un immobile in quel momento condotto in sublocazione), si era obbligata a pagare alla seconda (la subconduttrice) una somma di denaro se quest’ultima, entro una determinata data, avesse provveduto allo sgombero dell’immobile condotto in sublocazione. A fronte di tale diverso schema, quindi, fatto costitutivo per ottenere tale somma consisteva nella dimostrazione della formale riconsegna dell’immobile, che diversamente che nella locazione, gravava quindi sulla proprietaria-conduttrice,  non sulla subconduttrice.

Benedetta Minotti b.minotti@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

La stipula o il rinnovo tacito di un contratto di locazione può desumersi da elementi di fatto, qua...

Contratti

Con la sentenza n. 25623/2017, la Suprema Corte è tornata sul tema dei rapporti tra l'azione di rec...

Contratti

È possibile richiedere la prestazione del doppio della caparra confirmatoria in caso di domanda giu...

Contratti