L’I.S.C. secondo i criteri indicati da Bankit

Alla Banca d’Italia è demandata l’individuazione della formula per determinare il costo effettivo dell’operazione di finanziamento per il cliente.  Tale formula deve essere utilizzata dagli istituti di credito: “non è quindi consentito alle banche indicare un ISC ricostruito secondo criteri diversi da quelli indicati dalla Banca d’Italia”.

Secondo il Tribunale di Monza, l’indicazione di un I.S.C. individuato secondo criteri difformi da quelli della Banca d’Italia, con l’inclusione di oneri contrattualmente non previsti (come le spese di inoltro avvisi di pagamento delle rate), non è ammissibile.

Tale difforme indicazione non può trovare accoglimento per il giudice monzese, in quanto si pone in contrasto, non soltanto con le istruzioni della Banca d’Italia, che pure non essendo vincolanti per il giudice costituiscono norme tecniche autorizzate da altri provvedimenti normativi, ma anche col principio generale di certezza nei rapporti giuridici.

Discostarsi dalle Istruzioni della Banca d’Italia, che rispondono all’esigenza logica di avere a disposizione dati omogenei, significherebbe dare ingresso a parametri disparati ricostruiti utilizzando differenti formule matematiche, oppure computando oneri diversi, con grave pregiudizio per la certezza della normativa di settore”.

In conclusione, il Tribunale di Monza, richiamando anche l’orientamento del Tribunale di Milano pronunciatosi con sentenza del 11 gennaio 2018 n. 202, ha statuito che l’eventuale scorretta indicazione dell’I.S.C. non comporta alcuna nullità del contratto di mutuo, rispondendo l’indicazione dell’I.S.C. a finalità informative, ma può dar luogo unicamente ad una pretesa risarcitoria, laddove il mutuatario alleghi e provi che, “senza l’erroneo convincimento generato dalla scorretta indicazione dell’ISC, avrebbe stipulato altro contratto più convincente”.

Tribunale di Monza, 23.02.2018, n. 550 (leggi la sentenza)

Carolina Baietta – c.baietta@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Lo scorso 13 giugno il Tribunale di Agrigento ha dichiarato la cessazione della materia del contende...

Contratti Bancari

In tema di contratti bancari, niente impedisce che il negozio esista da prima della produzione in gi...

Contratti Bancari

L’ordine di bonifico su conto corrente non è soggetto a particolari requisiti di forma. Il Sup...

Contratti Bancari