La (presunta) necessità della forma scritta degli ordini di investimento: la Suprema Corte conferma il proprio precedente orientamento

Viene confermato l’orientamento che reputa l’obbligo della forma scritta riferito al contratto-quadro e non ai singoli ordini di investimento o disinvestimento, che vengano poi impartiti dal cliente all’intermediario, la cui validità non è dunque soggetta a requisiti di forma.

Recentemente, la Suprema Corte di Cassazione ha confermato che “La prescrizione dell’art. 23 del TUF., secondo cui i contratti relativi alla prestazione di servizi di investimento debbono essere redatti per iscritto a pena di nullità del contratto, deducibile solo dal cliente, attiene al contratto- quadro, che disciplina lo svolgimento successivo del rapporto volto alla prestazione del servizio di negoziazione di strumenti finanziari, e non ai singoli ordini di investimento (o disinvestimento) che vengano poi impartiti dal cliente all’intermediario, la cui validità non è soggetta a requisiti di forma (v. Cass. n. 28432 del 2011 e n. 384 del 2012)”, così Cass. civ. Sez. I, 19-10-2012, n. 18039.

(Paolo Francesco Bruno – p.bruno@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

 Tribunale di Udine, 18 febbraio 2015, n. 268 (leggi la sentenza) Con una recente pronuncia, il ...

Servizi Di Investimento

Cass., 24 febbraio 2014,, sez. I, n. 4393 (leggi la sentenza per esteso) La vicenda giunge in Ca...

Servizi Di Investimento

Corte d'Appello di Brescia, 22 gennaio 2014, Sez. I, n. 149 (leggi la sentenza per esteso) La vic...

Servizi Di Investimento