La mancata prova documentale integra i requisiti di cui all’art. 648 c.p.c.?

Assolutamente no.

E invero, quando le contestazioni vertono in materia di usura con contestuale richiesta di C.T.U. contabile, è pacifico che l’onere della prova ricada su chi solleva eccezioni di tal fatta.

Questo il motivo.

“Considerato che qualora l’opponente contesti il superamento dei tassi soglia abbia l’onere non solo di indicare in modo specifico in che termini sarebbe avvenuto tale superamento, ma anche e comunque di produrre i decreti ministeriali e le rilevazioni aventi per oggetto i tassi soglia. Rilevata la non produzione dei DD.MM. inerenti i tassi soglia e quindi non può esservi la valutazione circa un loro eventuale superamento relativamente ai contratti di finanziamento de quibus”.

Per l’effetto, il Tribunale di Salerno, “non essendo le eccezioni formulate dall’opponente fondate su prova scritta”, ha concesso la provvisoria esecutività del decreto ingiuntivo opposto.

Tribunale di Salerno, ordinanza del 15 giugno 2017

Alessandra Palermo – a.palermo@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Al difetto di prova circa l’asserita applicazione di interessi usurari segue il rigetto dell’opp...

Credito Al Consumo

Estinzione anticipata del finanziamento con cessione del quinto: sì al difetto di legittimazione pa...

Credito Al Consumo

Con la recentissima sentenza n. 559 del 02.02.2018 il Tribunale di Catania ha ribadito che “è one...

Credito Al Consumo