La banca non può costituire il pegno sul credito del cliente per l’acquisto di titoli non ancora emessi

Cass., 2 ottobre 2012, Sez Un., n.16725

Massima: “È inesistente, in caso di fallimento del cliente mandante, la prelazione della banca mandataria in relazione a una convenzione di pegno che abbia ad oggetto non titoli di Stato ma il credito del cliente nei confronti dell’istituto di credito all’acquisto e alla consegna di una determinata quantità di titoli per un controvalore altrettanto preciso, senza che essi risultino tuttavia materialmente formati al momento della convenzione né successivamente, dovendosi ritenere che detto diritto non sia idoneo ad assumere natura di res e divenire dunque garanzia reale opponibile erga omnes.” (leggi la sentenza per esteso)

Tramite la sentenza in oggetto, le Sezioni Unite della Suprema Corte hanno rilevato che, seppure con riguardo al limitato periodo temporale anteriore al 1993 in cui vigeva il regime di gestione accentrata dei titoli di stato, il pegno di credito all’acquisto e alla consegna di titoli non ancora emessi ha natura di pegno di credito futuro. Ne consegue che, fino a quando non si verifica la consegna, detto pegno ha effetti obbligatori e non attribuisce prelazione, che sorge solo dopo la specificazione o la consegna.

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Tribunale di Reggio Emilia, 12 maggio 2014 (leggi l'ordinanza per esteso) Il Tribunale di Reggio ...

Garanzie

Tribunale di Bologna, 28 aprile 2014, n. 20614 (leggi la sentenza per esteso) La sentenza in esa...

Garanzie

Cass., 21 maggio 2013, sez. II, n. 12462 Il caso. La pronuncia in commento ha origine dall’azio...

Garanzie