Fuorigioco del correntista: inammissibile la domanda di restituzione se il conto è aperto

Il Tribunale di Siena ha inferto un duro colpo ad una società correntista, dichiarando inammissibile la domanda di restituzione, da quest’ultima formulata, ai danni del proprio istituto di credito.

Nel caso di specie, la domanda attorea è stata respinta, con declaratoria di inammissibilità, poiché all’epoca dell’instaurazione del giudizio, il rapporto di conto corrente era ancora aperto, con conseguente impossibilità di chiedere la ripetizione dell’indebito.

Difatti, in caso di conto aperto, è ammissibile unicamente la domanda di rideterminazione del saldo, posto che non sono configurabili veri e propri pagamenti ripetibili, bensì meri addebiti in conto.

Ed invero, la Società correntista attrice, nel formulare le proprie conclusioni, aveva chiesto il ricalcolo del saldo conto “…e per l’effetto, condannare la banca alla restituzione delle somme tutte indebitamente addebitate e/o riscosse dall’inizio del rapporto sino al saldo…”.

Singolare notare che la domanda di accertamento del dare-avere, in relazione al conto, è stata formulata correttamente, tuttavia, essendo tale istanza ontologicamente correlata alla successiva domanda di condanna alla restituzione, è stata travolta anch’essa dall’ondata dell’inammissibilità.

In altri termini, la domanda di mero accertamento, in relazione alla rideterminazione del saldo conto, in ipotesi sarebbe risultata anche ammissibile, se e solo se la stessa fosse stata formulata autonomamente, e non in stretta correlazione con la domanda di condanna alla restituzione (come nel nostro caso, ove la locuzione “e per l’effetto” ha portato il giudicante ad una decisione tranchant).

Lo Studio, che ha seguito la Banca convenuta nel presente giudizio, ha ottenuto quindi un provvedimento più che favorevole, con condanna della controparte alla rifusione delle spese di lite.

Tribunale di Siena, 3 gennaio 2018, n. 1 (leggi la sentenza)

Alessandra Gambadauro – a.gambadauro@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Il mutuatario non può essere posto in condizione di versare interessi usurari a remunerazione del p...

Contratti Bancari

In virtù del principio secondo cui “chi vuole far valere un diritto in giudizio deve provare i fa...

Contratti Bancari

Il Tribunale di Monza, con sentenza resa nell’ambito di un giudizio di opposizione a decreto ingiu...

Contratti Bancari