Firma illeggibile sulla procura: non sempre è causa di nullità della stessa

L’illeggibilità della firma non è causa d’invalidità della procura, quando l’identità e la carica del conferente siano desumibili o dalla procura stessa o dal contesto dell’atto cui quest’ultima accede.

Questo quanto affermato dalla Corte di Cassazione nel recente provvedimento 16005/2017.

Non è causa di nullità l’illeggibilità della firma sulla procura alla lite, apposta in calce od a margine dell’atto con il quale sta in giudizio una società, purché la denominazione di quest’ultima sia stata correttamente indicata.  Questo vale non solo quando il nome del sottoscrittore risulti dal testo della procura stessa, dalla certificazione d’autografia resa dal difensore o dal testo dell’atto, ma anche quando detto nome possa desumersi dall’indicazione di una specifica funzione o carica. In tal caso, infatti, il titolare è identificabile per il tramite dei documenti di causa o delle risultanze del registro delle imprese.

Nel caso in cui, invece, non si faccia menzione alcuna della funzione o della carica del sottoscrittore, ma ci si limiti ad allegare genericamente la qualità di “legale rappresentante”, la procura sarà affetta da nullità relativa, da rilevarsi ai sensi dell’art. 157 c.p.c., con l’onere per la parte istante d’integrare, con la prima replica, la lacunosità dell’atto iniziale, mediante chiara indicazione del nome dell’autore della firma.

In caso di inadeguatezza o di tardività di detta integrazione, non solo sarà dichiarata invalida la procura, ma anche inammissibile l’atto cui si riferisce.

Pertanto,  nel caso di specie, essendo stati indicati in procura sia il nome del legale rappresentante della società attrice, sia la sua carica, la Corte di Cassazione ha reputato del tutto irrilevante che nella procura tali elementi identificativi non fossero stati ripetuti e la firma non risultasse leggibile.

Cass., Sez. VI – 2, 27 giugno 2017, ordinanza n. 16005

Serena Cefola – s.cefola@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

In tema di danni alla persona, una riconosciuta invalidità permanente, tale da non consentire al da...

Responsabilita' Civile

La sanzione amministrativa conseguente l’accertamento dell’eccesso di velocità tramite disposit...

Responsabilita' Civile

“La nozione di costruzione, agli effetti dell’art. 873 c.c., non può subire deroghe da parte de...

Responsabilita' Civile