Eureka! Il Whistleblowing funziona!

L’Autorità Nazionale Anticorruzione (“ANAC”) ha presentato, in data 28 giugno 2018, presso il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo il 3° Rapporto annuale sul Whistleblowing.

Come noto, la Legge 30 novembre 2017, n. 179, recante “disposizioni per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell’ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato”, introduce una disciplina organica e unitaria concernente il c.d. “Whistleblowing”.

In particolare, la norma in questione ha l’importante obiettivo di contrastare i fenomeni corruttivi nelle Pubbliche Amministrazioni e negli enti privati a rilevanza pubblicistica, mediante appositi canali di segnalazione attraverso i quali i dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni possono denunciare condotte illecite di cui sono venuti a conoscenza in ragione del proprio rapporto di lavoro.

Specificamente, il rapporto indica un aumento considerevole delle segnalazioni whistleblowing negli ultimi anni in considerazione della sempre maggior consapevolezza dei dipendenti della Pubblica Amministrazione riguardo i fenomeni corruttivi.

In particolare,

  • – nel 2014 (da settembre), si sono registrate solamente 16 segnalazioni (di cui 3 fascicoli aperti);
  • – nel 2015, sono state registrate 200 segnalazioni (di cui 125 fascicoli aperti);
  • – nel 2016, sono state registrate 252 segnalazioni (di cui 174 fascicoli aperti);
  • – nel 2017, sono state registrate 893 segnalazioni (di cui 364 fascicoli aperti);
  • – nel 2018 (concernente i primi 5 mesi, cioè fino al 31 maggio), sono state registrate 621 segnalazioni (di cui 334 fascicoli aperti).

Il maggior incremento delle segnalazioni si evince anche dal numero mensile delle stesse.

In questo senso:

  • – nel 2014, sono state registrate 0,75 segnalazioni mensili;
  • – nel 2015, sono state registrate 10,42 segnalazioni mensili;
  • – nel 2016, sono state registrate 14,50 segnalazioni mensili;
  • – nel 2017, sono state registrate 30,33 segnalazioni mensili;
  • – nel 2018, sono state registrate 66, 80 segnalazioni mensili.

Alla luce delle analisi di cui sopra, è ragionevole ritenere che l’impatto della Legge 179/2017 è stato rilevante.

In particolare, la maggior protezione e tutela per gli autori delle segnalazioni ha dato maggior sicurezza ai medesimi nel segnalare le condotte illecite di cui siano venuti a conoscenza in ragione del proprio rapporto di lavoro.

In particolare, il segnalante “non può essere sanzionato, demansionato, licenziato, trasferito, o sottoposto ad altra misura organizzativa avente effetti negativi, diretti o indiretti, sulle condizioni di lavoro determinata dalla segnalazione” (art. 54-bis D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165).

Claudio Saba – c.saba@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

L’European Banking Authority (“EBA”) ha posto in pubblica consultazione le bozza di Linee guid...

Vigilanza

In data 25 maggio 2018, la Consob ha sottoposto a consultazione pubblica il Regolamento in materia d...

Vigilanza

Il 13 aprile 2018, Banca d’Italia ha sottoposto a consultazione pubblica i Provvedimenti attuativi...

Vigilanza