Diritto d’autore. Ultime novità approvate dall’AGCOM

L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM), al fine di dare attuazione al D.lgs. n. 44/2010 c.d. Decreto Romani, ha approvato due regolamenti in materia di prestazione di servizi di media audiovisivi lineari o radiofonici su mezzi di comunicazione elettronica (quali Web-TV, IPTV e mobile TV) e di fornitura di servizi di media audiovisivi a richiesta (rispettivamente con Delibera n. 606/10 e Delibera n. 607/10, in vigore dal 18 gennaio 2011).

L’Authority ha introdotto importanti modifiche circa le modalità di esercizio delle attività di fornitura di "servizi di media audiovisivi", relative a tutti i mezzi di comunicazione destinati alla fruizione del pubblico e posti sotto la responsabilità editoriale di un fornitore di servizi di media, il cui obiettivo principale è la fornitura di programmi, o di un catalogo di programmi, allo scopo di informare, intrattenere o istruire il grande pubblico attraverso reti di comunicazioni elettroniche.

I regolamenti si applicano ai fornitori di servizi media audiovisivi in presenza di determinati presupposti: la responsabilità editoriale, lo sfruttamento economico dell'attività e una soglia minima di ricavi derivanti dalle c.d. attività radiotelevisive tipiche (i.e. pubblicità, televendite, sponsorizzazioni, contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati, provvidenze pubbliche e da offerte televisive a pagamento) superiore a 100mila Euro.

La novità normativa consiste, in particolare, nell'obbligo in capo al fornitore del servizio di ottenere un'autorizzazione per l'esercizio della propria attività entro un anno dall'entrata in vigore dei regolamenti. I soggetti i quali al momento dell'entrata in vigore dei citati regolamenti già esercitino l'attività di prestazione di servizi di media-audiovisivi possono continuare ad operare senza soluzione di continuità. E’ previsto poi che l'elenco dei soggetti che abbiano conseguito l'autorizzazione sia pubblicato sul sito web dell'AGCOM e periodicamente aggiornato.

Altra novità, con la recente Delibera n. 668 del 17 dicembre 2010 l’AGCOM ha sottoposto a consultazione pubblica il nuovo testo sulla normativa per la tutela del diritto d’autore su Internet. Si tratta di provvedimenti a tutela del diritto d’autore che riguardano solo i gestori dei siti e non i singoli utenti.

Tra le norme approvate dal Consiglio all’unanimità vi è la possibilità da parte dell’Authority di ordinare la rimozione dei contenuti coperti da copyright pubblicati illegittimamente, a seguito di un procedimento che prevede un breve contraddittorio tra le parti. Per i siti che hanno il solo fine della diffusione di contenuti illeciti, sono ipotizzate due ipotesi alternative: la predisposizione di una lista di siti illegali da mettere a disposizione degli internet service provider e la possibilità, in casi estremi e previo contraddittorio, dell’inibizione del nome di dominio del sito web, ovvero dell’indirizzo IP.

 

(Rocco Lanzavecchia – r.lanzavecchia@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Cass., Sez. VI, 24 novembre 2015 (leggi l'ordinanza) Recentemente, la Corte di Cassazione si è e...

Diritto Industriale

Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera d...

Diritto Industriale

Second Board of Appeal EU, 25 febbraio 2015, caso R 1856/2013-2 (leggi la sentenza) La Seconda Comm...

Diritto Industriale