Destinazione a parcheggio del giardino condominiale, legittima la delibera condominiale

Un condomino impugnava la delibera assembleare con la quale si decideva di destinare a parcheggio una parte del giardino circostante il condominio; la realizzazione di tale parcheggio comportava l’eliminazione di alberi da frutto e del vialetto che separava il frutteto dall’edificio condominiale. Secondo l’attore, tale delibera alterava il decoro architettonico del condominio e contrastava con la destinazione contrattuale a verde dell’area interessata, così come disciplinata dal regolamento condominiale.

La Cassazione, ribadendo un consolidato orientamento, afferma che l’area di giardino condominiale destinata a parcheggio, interessata solo in minima parte da alberi di alto fusto ed estesa in maniera ridotta rispetto all’area nel suo complesso, non comporta “alcun apprezzabile deterioramento del decoro o architettonico, né alcuna significativa menomazione del godimento e dell’uso del bene comune”.

Non solo, dunque, non vi è alcuna violazione dell’art. 1120 c.c., ma da tale destinazione deriva anche una valorizzazione economica delle singole unità abitative e una maggiore utilità per i condomini.

Parimenti, non vi è alcuna lesione del diritto dei condomini di usufruire dell’area verde nella sua consistenza originaria. Ciò, in quanto, ai sensi dell’art. 1120, ultimo comma, c.c., sono vietate solo quelle innovazioni che rendono la cosa comune concretamente inutilizzabile ed inservibile. Tale limite, dunque, non si individua nel semplice disagio o nel minor godimento che l’innovazione può procurare al singolo condomino rispetto a quella che, sino a quel momento, è stata la sua fruizione del bene comune.

Cass., Sez. II Civ., 29 agosto 2018, ordinanza n. 21342

Serena Cefola – s.cefola@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Per la Suprema Corte di Cassazione le norme in tema di distanze, di cui agli artt. 901 – 907 c.c.,...

Diritti reali e condominio

Le disposizioni previste dall'art. 41-quinquies legge urbanistica n. 1150/1942 e dall'art. 9 decreto...

Diritti reali e condominio

Con l’ordinanza n. 9097/18, la Suprema Corte ha statuito il seguente principio: “il riconoscimen...

Diritti reali e condominio