Siete qui: Oggi sulla stampa

Creval anticipa taglio del rischio

Il Creval completa in anticipo il piano di riduzione del rischio. L’istituto ha perfezionato una cartolarizzazione di un portafoglio di crediti in sofferenza per un valore lordo di libro pari a circa 1,6 miliardi di euro. L’operazione è avvenuta attraverso la cessione a un veicolo di cartolarizzazione (Aragorn) e con l’emissione, da parte di quest’ultimo, di tre diverse classi di titoli Abs. Si tratta di una tranche senior da 509,5 milioni, con rating atteso in linea con quanto richiesto dalla normativa relativa alla garanzia dello stato (Gacs), una tranche mezzanina provvista di rating e una tranche junior, rispettivamente per 66,8 e 10 milioni di euro.La banca valtellinese guidata dall’a.d. Miro Fiordi si attende che i titoli senior, con un rendimento pari a 50 punti base oltre il tasso Euribor a sei mesi, beneficino della garanzia pubblica, la cui richiesta al ministero dell’economia sarà formalizzata nei prossimi giorni. I titoli saranno integralmente ritenuti da Creval. Le tranche mezzanine e junior sono state collocate per il 95% presso investitori istituzionali. Il regolamento è previsto entro la fine della settimana ed è subordinato al rilascio, da parte di due agenzie, di un rating investment grade per la tranche senior della cartolarizzazione.

Con questa operazione, sottolinea il Creval, il piano di cessione di Npl per il 2018 risulta pressoché completato, con il pieno raggiungimento degli obiettivi previsti nel piano industriale. Il deconsolidamento del portafoglio determina un miglioramento dell’Npl ratio lordo dal 19,3% di fine marzo a circa l’11,5% pro forma alla stessa data. L’obiettivo per fine 2018 è il 10,5%, con un’ulteriore riduzione al 9,6% nel 2020.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Stime disattese, utenti in calo, ricavi pubblicitari rallentati. Il tutto all’ombra degli scandali...

Oggi sulla stampa

Aumentano di oltre nove punti le compravendite di immobili ad uso abitativo. E crescono di quasi set...

Oggi sulla stampa

Con un mese di anticipo rispetto al limite previsto la Banca centrale europea ha concesso nei giorni...

Oggi sulla stampa