Concessione di ipoteca a garanzia di muto a favore di terzi ed estraneità all’oggetto sociale

Trib. Verona, 27 dicembre 2012 (leggi la sentenza per esteso)

Il Giudice veronese nel caso di specie ha fatto proprio l’orientamento della Suprema Corte, secondo il quale deve ritenersi inefficace la fideiussione prestata dall’amministratore di una società, estranea all’oggetto sociale.

Il Tribunale ha chiarito che la valutazione di pertinenza deve essere condotta in concreto, verificando che di fatto la garanzia abbia un rapporto di strumentalità diretta o indiretta con l’attività economica dell’impresa, delineata dal suo oggetto sociale, essendo invece irrilevante la convenienza dell’atto per la società.

Inoltre, in caso di atto estraneo all’attività dell’impresa, deve escludersi la buona fede del terzo, qualora quest’ultimo fosse consapevole dell’estraneità medesima, l’abbia ignorata con colpa grave o trattasi di soggetto professionista qualificato.

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Tribunale di Reggio Emilia, 12 maggio 2014 (leggi l'ordinanza per esteso) Il Tribunale di Reggio ...

Garanzie

Tribunale di Bologna, 28 aprile 2014, n. 20614 (leggi la sentenza per esteso) La sentenza in esa...

Garanzie

Cass., 21 maggio 2013, sez. II, n. 12462 Il caso. La pronuncia in commento ha origine dall’azio...

Garanzie