Cessione del quinto: la legge vigente al momento della sottoscrizione è l’unica applicabile

Questa la conclusione raggiunta dal Giudice di Pace di Avezzano, a definizione di un giudizio promosso per la restituzione di commissioni recurring relative ad un contratto di cessione del quinto estinto anticipatamente nel 2006.

In particolare, ha tenuto a precisare il Giudice adito, “L’estinzione è avvenuta nel corso del 2006, dunque, prima che entrasse in vigore l’art. 125 sexies T.U.B.; tale norma, a differenza della disciplina previgente, ha disciplinato analiticamente gli importi da rimborsare e le modalità di calcolo, sancendo che il consumatore può rimborsare anticipatamente ed in qualsiasi momento, in tutto o in parte, l’importo dovuto al finanziatore. In tal caso il consumatore ha diritto ad una riduzione del costo totale del credito, pari all’importo degli interessi e dei costi dovuti per la vita residua del contratto. In caso di rimborso anticipato il finanziatore ha diritto ad un indennizzo equo ed oggettivamente giustificato per eventuali costi direttamente collegati al rimborso anticipato del credito… La norma in questione è stata introdotta nell’ordinamento giuridico a seguito della ratifica della direttiva europea 2008/48/CE con il D. L.vo 141/2010 ed è entrata in vigore in data 19/09/2010, dunque, successivamente l’estinzione anticipata di cui al presente giudizio. Ne discende l’applicazione del principio tempus regit actum, secondo cui l’atto è regolato dalla legge vigente al momento in cui è posto in essere”.

Per questa ragione, ha concluso il Giudice di Pace, “La norma non si applica a rapporti sorti precedentemente la sua entrata in vigore, salvo quei rapporti giuridici ancora in itinere; in caso contrario si verrebbe a violare il principio dell’irretroattività della legge”.

In definitiva, avendo l’attore estinto anticipatamente il contratto nel 2006, dunque prima dell’entrata in vigore dell’art. 125 sexies T.U.B., tale norma non può trovare applicazione, in quanto le obbligazioni nascenti dal contratto stipulato sono state completamente eseguite, e quindi, hanno esaurito i propri effetti alla luce di una precedente normativa.

Giudice di Pace di Avezzano, 06 giugno 2017, n. 246

Francesco Concio – f.concio@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

È questa la conclusione raggiunta dal Giudice di Pace di Sant'Anastasia in un giudizio di risarcime...

Credito Al Consumo

È quanto affermato, tra le altre cose, dal Tribunale di Lecce in una recente ordinanza di concessio...

Credito Al Consumo

"La circostanza della non predeterminazione della settimana di godimento dell’appartamento non è ...

Credito Al Consumo