Cessione del quinto: se c’è il TFR l’assicurazione opera in via residuale

E’ quanto affermato dal Tribunale di Teramo, il quale, con la recente sentenza n. 1504 del 15.12.2016 è giunto a conclusione di un giudizio di accertamento promosso dal lavoratore/cedente, per l’accertamento del proprio diritto di trattenere il TFR liquidato in seguito alla risoluzione del rapporto di lavoro, intervenuta a causa di una riduzione del personale.

In particolare, queste le motivazioni esposte nel corpo della sentenza: “dalla lettura complessiva e combinata della disciplina rinveniente dal contratto di prestito garantito per cui è causa e dalla correlata polizza rischio impiego (lettura da compiersi considerando quale cornice normativa generale di riferimento quella di cui al combinato disposto degli articoli 54 e 55 co. 2 DPR 180/1950) emerge non solo la possibilità – a garanzia della copertura del debito contratto dal cedente finanziato – di estendere la cessione anche al trattamento di fine rapporto da questi maturato, ma anche l’operare della suddetta polizza assicurativa rischio impiego solo in via residuale, ossia solo ove non sia stato possibile per l’intermediario erogante recuperare il proprio credito per insufficienza del trattamento di quiescenza maturato dal soggetto finanziato”.

Detta soluzione, chiarisce il Tribunale di Teramo, si impone ermeneuticamente anche sotto il profilo logico, poiché la polizza correlata al contratto di prestito garantito opera ad esclusivo vantaggio del mutuante.

In definitiva, conclude il Giudice adito, “se si desse ingresso alla tesi dell’attore, in ipotesi di cessazione del rapporto di lavoro  si dovrebbe concludere per il carattere necessitato della liquidazione del sinistro da parte dell’assicurazione con la conseguenza che, in spregio alla disciplina contrattuale e legislativa sopra richiamata, il tfr rimarrebbe nella libera disponibilità del cedente/finanziato”.

Inevitabile, pertanto, giungere alla conclusione che, se la cessione del quinto è estesa anche al TFR, la polizza assicurativa rischio impiego opera solo in via residuale.

Francesco Concio – f.concio@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Anche il Tribunale di Bologna non ammette compromessi in tema di valutazione e calcolo dell’usura ...

Contratti Bancari

Il correntista, deciso ad avanzare in giudizio una domanda di ripetizione di indebito, ha l’onere ...

Contratti Bancari

“L'astratta previsione di un tasso di mora, ove non applicato in concreto in quella data misura, n...

Contratti Bancari