Siete qui: Oggi sulla stampa

Carige, avanti sul fronte Npl

Il cda di Banca Carige esaminerà questo mese l’operazione di cessione di un ticket da 100 milioni di euro lordi di crediti unlikely to pay (Utp), cioè di difficile riscossione: lo ha annunciato l’a.d. Paolo Fiorentino. Sul tavolo ci sono alcune offerte vincolanti provenienti soprattutto da fondi internazionali.L’istituto ligure ha in programma di cedere 500 milioni di lordi di crediti. A fine marzo era arrivato il via libera alla strategia di gestione delle Non performing exposures (Npe) con l’obiettivo di ridurre notevolmente gli Npl del gruppo entro il 2020. Carige ha deciso di procedere con la cessione di un ulteriore portafoglio di crediti in sofferenza fino a un ammontare lordo di un miliardo, oltre alla prevista vendita di posizioni unlikely to pay per circa 500 milioni lordi. A ciò si aggiungono altri 200 milioni di Utp nel 2019. Tra i crediti in sofferenza, in totale 1,7 miliardi a fine 2017, la banca aveva già fatto sapere che verrà selezionato un importo fino a un miliardo di euro da cedere in forma di cartolarizzazione pubblica, avvalendosi della garanzia statale (Gacs) sul titolo senior.

Intanto la joint venture tra Ibm e Carige, per l’esternalizzazione dei servizi Ict della banca, prevede un contratto da 500 milioni in dieci anni. La newco, partecipata all’80% dal colosso americano, è operativa dal 1° giugno. È previsto che l’operazione porti a risparmi per complessivi 40 milioni nell’arco del piano al 2021.

Fiorentino si è quindi soffermato sull’emissione obbligazionaria in programma, che verrà lanciata «quando si aprirà il mercato». Si tratta di un Tier 2 decennale per un importo di 300 milioni di euro, aumentabile fino a 500 mln.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Stime disattese, utenti in calo, ricavi pubblicitari rallentati. Il tutto all’ombra degli scandali...

Oggi sulla stampa

Aumentano di oltre nove punti le compravendite di immobili ad uso abitativo. E crescono di quasi set...

Oggi sulla stampa

Con un mese di anticipo rispetto al limite previsto la Banca centrale europea ha concesso nei giorni...

Oggi sulla stampa