Siete qui: Oggi sulla stampa

Borse, un avvio negativo

Avvio di settimana in territorio negativo per le borse europee. Gli investitori sono rimasti prudenti, in assenza di dati macroeconomici rilevanti. A Milano il Ftse Mib ha perso lo 0,55% a 22.437 punti. In calo frazionale anche Parigi (-0,73%), Francoforte (-0,40%) e Londra (-0,24%).

Nella City in rosso il comparto della difesa, trascinato al ribasso dall’allarme utili di Ultra Electronics, il cui titolo è crollato del 19,45%.

Male anche Babcock, che ha lasciato sul terreno il 7,3%, e Coca-Cola Hbc che ha perso il 4,45%. In luce invece AstraZeneca, che ha guadagnato l’1,20%.

A New York il Dow Jones e il Nasdaq viaggiavano poco sopra la parità.

A Piazza Affari in rosso Leonardo (-4,34%), che a detta di un analista ha continuato a pagare il taglio delle linee guida per il 2017. L’esperto ritiene comunque che il titolo possa rimanere su questi livelli.

Lettera anche su Telecom Italia (-3,23% a 0,689 euro): Goldman Sachs ha ridotto la raccomandazione a neutral, con il prezzo obiettivo che scende da 1,01 a 0,86 euro sulle ordinarie e da 0,84 a 0,71 euro sulle risparmio. Giù YNap (-2,17% a 28,42 euro), su cui Credit Suisse ha tagliato il giudizio a neutral, con il target price in calo da 32 a 29 euro.

Tra i bancari, le vendite hanno prevalso su B.Mps (-4,49%), B.Carige (-1,85%), Ubi B. (-1,75%) e Intesa Sanpaolo (-0,85%). Invariata Banco Bpm, mentre sono terminate in progresso Unicredit (+0,12%), Mediobanca (+0,15%), Bper (+0,90%) e Creval (+1,71%). Ben comprate Ferrari (+1,17%), Moncler (+0,91%) e Azimut H. (+0,44%).

Nel resto del listino giù Immsi (-3,55%), che ha accusato qualche presa di profitto, dopo il +100% segnato da inizio anno, in seguito alla pubblicazione di positivi risultati trimestrali. Su di giri, invece, Astaldi (+3,88%), che ha proseguito il movimento di recupero iniziato venerdì scorso, e Fincantieri (+3,51%), che ha beneficiato dei giudizi positivi degli analisti dopo i conti.

Nei cambi, l’euro ha chiuso in calo ma restando sopra 1,16 dollari: la moneta unica è stata scambiata a 1,1657 sul biglietto verde e a 132,48 yen. Sotto pressione la sterlina, che contro il dollaro ha registrato un minimo di giornata a 1,3061. Pesano le indiscrezioni secondo cui diversi membri del parlamento inglese vogliono le dimissioni del primo ministro Theresa May.

Per le materie prime, quotazioni petrolifere in rallentamento, con il Brent a 62,70 dollari (-82 centesimi) e il Wti a 56,34 (-40 cent). Acquisti sull’oro, che avanzava di 2,50 dollari a 1.278.

Giacomo Berbenni

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

L’accordo sulla Brexit sembra questione di ore, ma anche no. Ieri il capo negoziatore britannico D...

Oggi sulla stampa

Non dovranno solo preoccuparsi di come attrezzarsi per spedire, a partire dal prossimo primo gennaio...

Oggi sulla stampa

Responsabilità professionisti: l'attività svolta dall'avvocato in situazioni di incompatibilità v...

Oggi sulla stampa