Siete qui: Oggi sulla stampa

«Bitcoin, così è stato manipolato il prezzo»

Almeno la metà dei rialzi vertiginosi del Bitcoin sono stati legati a una potente «campagna di manipolazione dei prezzi». È quanto emerge da uno studio accademico condotto da John Griffin, professore di finanza all’università del Texas. Lo studio riaccende il dibattito sulla criptovaluta e su come la sua apparentemente irresistibile ascesa nel 2017 (il Bitcoin era arrivato a valere fino a 20mila dollari lo scorso dicembre mentre ieri oscillava intorno a 6.650 dollari) sia stata pilotata da grandi attori del mercato. Lo studio è stato condotto esaminando i dati di milioni di transazioni sulla piattaforma Bitfinex, la principale del mondo per i Bitcoin, che ha creato una valuta virtuale secondaria, il Tether, un token legato al valore del dollaro, emesso solo da Bitfinex. Più di 2,2 miliardi di dollari in Tether sono stati emessi tra marzo 2017 e gennaio 2018, secondo il documento.
A dicembre, la Cftc (Commodity Futures Trading Commission) ha citato in giudizio le società Bitfinex e Tether. Jean-Louis van der Velde, amministratore delegato di Bitfinex e Tether, ha negato che le emissioni di criptovalute possano essere state utilizzate per manipolare bitcoin. I regolatori di tutto il mondo stanno aumentando i controlli e il Dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti indaga sulla manipolazione di Bitcoin e di altre criptovalute.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Stime disattese, utenti in calo, ricavi pubblicitari rallentati. Il tutto all’ombra degli scandali...

Oggi sulla stampa

Aumentano di oltre nove punti le compravendite di immobili ad uso abitativo. E crescono di quasi set...

Oggi sulla stampa

Con un mese di anticipo rispetto al limite previsto la Banca centrale europea ha concesso nei giorni...

Oggi sulla stampa