Siete qui: Oggi sulla stampa

Banchieri preoccupati ma prudenti

«Ciascuno giudica bene ciò che conosce, e solo di questo è buon giudice». La schiera di banchieri, che ha sfilato a Milano per prendere parte all’esecutivo dell’Abi, si è trincerata dietro alle parole di Aristotele per non esporsi ufficialmente su un tema scottante come quello della nuova formazione politica e delle proposte di governo. Eppure l’umore dei top manager, interpellati sulla bozza programmatica, poi dichiarata superata, che vorrebbe l’uscita dall’euro e la cancellazione di 250 miliardi di titoli di stato legati al Qe, sembra chiaro.«Cosa ne penso? Ve lo potete immaginare», si è limitato a dire Fabrizio Saccomanni, presidente di Unicredit, ex direttore generale onorario della Banca d’Italia ed ex ministro dell’economia del governo Letta. Più esplicito Massimo Doris, a.d. di Banca Mediolanum: «Mi sembra poco realizzabile, penso che gli altri paesi avrebbero qualcosa da ridire». Il presidente di Intesa Sanpaolo, Gian Maria Gros-Pietro, si è invece espresso in maniera diplomatica: «Aspettiamo un accordo, aspettiamo la formazione del governo. Naturalmente sarà il presidente della repubblica a decidere, ad accogliere ed eventualmente approvare le proposte che riceverà. I mercati sono tranquilli e questa è una buona cosa». Dichiarazioni che, tuttavia, erano state pronunciate in mattinata. In seguito, con le nubi sempre più fosche sui mercati, il numero uno di Ca’ de Sass non si è scomposto: «Le banche stanno lavorando bene, c’è stato un risanamento dei bilanci, la riduzione dei crediti non performanti è in corso».

Il più prudente è Antonio Patuelli, presidente dell’Abi: «Attendo di esaminare gli atti ufficiali resi noti al parlamento, non rilascio ulteriori dichiarazioni».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Stime disattese, utenti in calo, ricavi pubblicitari rallentati. Il tutto all’ombra degli scandali...

Oggi sulla stampa

Aumentano di oltre nove punti le compravendite di immobili ad uso abitativo. E crescono di quasi set...

Oggi sulla stampa

Con un mese di anticipo rispetto al limite previsto la Banca centrale europea ha concesso nei giorni...

Oggi sulla stampa