Asserita difformità dell’I.S.C.: come certi periti cercano di indurre in errore i giudici

L’eccezione di errata indicazione dell’ISC nasce dalla contraffazione del TAEG.

Dura è la presa di posizione del Tribunale di Busto Arsizio, nella persona del Dott. Limongelli, il quale ha chiaramente affermato come i periti di parte giungano frequentemente a sostenere l’erroneità dell’ISC indicato in contratto dalle banche, aggiungendo “addendi nelle formule finanziarie contando sull’ignoranza in materia dei giudici”.

Ebbene, secondo il Dott. Limongelli, è ora di farla finita con l’eccezione seriale di difformità tra ISC pattuito ed ISC concretamente applicato e, soprattutto, con la conseguenza che ne fanno discendere i clienti, ossia l’applicazione dei tassi BOT ex art. 117 T.U.B. in sostituzione di quelli contrattualmente previsti.

Il Giudice, sul punto, osserva che “non è per nulla vero che il comma 6 dell’art. 117 T.U.B. preveda la nullità per la errata indicazione del tasso nell’ISC (…) la disposizione si riferisce agli interessi ultralegali (uso piazza) cioè a quelli non indicati nei contratti ma richiamati come uso senza quantificazione, caso qui non ricorrente, ed interessi a condizioni sfavorevoli rispetto a quelli pubblicizzati (…) per intenderci il termine della norma è “pubblicizzati” e non “indicati in contratto”; nel senso che se è stato pubblicizzato un contratto con un determinato interesse mentre la banca di fatto addebita un interesse superiore si applica la lettera b) dell’art. 117 comma 7″.

Allo stesso modo, la lettera a) del comma 7 (che prevede l’applicazione dei tassi BOT) opera esclusivamente nell’ipotesi del comma 4 della medesima norma, ossia qualora nel contratto manchi del tutto l’indicazione del tasso di interesse e ogni altro prezzo e condizione praticati.

Tribunale Busto Arsizio, 19 luglio 2017, n. 1150

Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

È necessario che l’accertamento dell’usura oggettiva di un contratto di mutuo debba fondarsi su...

Contratti Bancari

Il mutuatario non può essere posto in condizione di versare interessi usurari a remunerazione del p...

Contratti Bancari

In virtù del principio secondo cui “chi vuole far valere un diritto in giudizio deve provare i fa...

Contratti Bancari