Fallibilità del socio accomandante che amministra l’impresa

Cass., 7 dicembre 2012, n. 22256

Massima: “Anche il socio accomandante che si è ingerito nell’amministrazione dell’azienda è un soggetto fallibile. L’estensione della procedura concorsuale al manager va confermata anche dopo la riforma del diritto societario. Infatti la norme contenute nella legge fallimentare non implicano l’esclusione del socio accomandante che si sia ingerito nell’amministrazione della società. Nelle società di persone la fallibilità del socio è la regola e la limitazione della responsabilità del socio accomandante un’eccezione, la quale suppone il rispetto della rigida distinzione tra titolarità e gestione dell’impresa in conformità alla disciplina legale” (leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Il Tribunale di Napoli Nord, nel decreto di omologa di un piano del consumatore ai sensi dell’arti...

Crisi e procedure concorsuali

In caso di ammissione del debitore al concordato preventivo, la compensazione tra i suoi debiti ed i...

Crisi e procedure concorsuali

La Corte di Cassazione con sentenza in tema di concordato preventivo conferma il principio già sanc...

Crisi e procedure concorsuali