Art. 168 l.f. e azione cautelare per il rilascio di immobile concesso in leasing

Trib. Bolzano,  22 Marzo 2013

Massima: “L’azione cautelare tesa al rilascio dell’immobile in leasing proposta dopo la risoluzione del contratto non urta contro il disposto dell’art. 168 L.F. (nella versione novellata dal D.L. 22 giugno 2012), il quale vieta di instaurare o proseguire azioni esecutive o cautelari sul patrimonio del debitore. L’azione in questione non incide, infatti, sul patrimonio del debitore poiché il bene oggetto del contratto di locazione finanziaria è di proprietà della concedente, mentre l’utilizzatore è titolare esclusivamente di un diritto personale di godimento”  (leggi la sentenza per esteso)

L’art. 168 L.F., così come modificato dal D. Lgs. 12.09.07 n. 169, sancisce il divieto per i creditori – per titolo o causa anteriore alla domanda di concordato preventivo – di iniziare o proseguire, a pena di nullità, dalla data della presentazione del ricorso e fino al momento in cui il decreto di omologazione del concordato preventivo diventa definitivo, azioni esecutive o azioni cautelari sul patrimonio del debitore.

Tuttavia, il Tribunale di Bolzano, in una recente pronuncia datata 22.03.2013, ha precisato che l’azione cautelare per il rilascio immediato di un immobile concesso in leasing, non contrasta con il disposto dell’art. 168 L.F., poiché non incide sul “patrimonio del debitore concordatario” essendo il bene immobile, oggetto del contratto di leasing, di proprietà del creditore/concedente.

Viene, dunque, ribadito il principio secondo cui, nel contratto di leasing, in capo all’utilizzatore/debitore, sussiste esclusivamente la titolarità di un diritto di godimento.

(Antonella Mafrica – a.mafrica@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Ai fini della revocabilità, per come disciplinata a seguito dell’intervento del d.l. 35/2005, con...

Crisi e procedure concorsuali

Il Tribunale di Napoli Nord, nel decreto di omologa di un piano del consumatore ai sensi dell’arti...

Crisi e procedure concorsuali

In caso di ammissione del debitore al concordato preventivo, la compensazione tra i suoi debiti ed i...

Crisi e procedure concorsuali