Ancora sull’opposizione a decreto ingiuntivo e mediazione obbligatoria

Il tribunale di Padova, con sentenza del 28 giugno 2016, ha dichiarato l’improcedibilità di un’opposizione a decreto ingiuntivo, per mancato esperimento del tentativo di mediazione, statuendo che l’onere di attivare la procedura incombe sull’attore opponente.

Nel caso di specie il debitore domandava la revoca del decreto ingiuntivo,  ottenuto da un istituto di credito, per il pagamento della somma garantita da fideiussione omnibus.

In particolare, il giudice, rilevato il mancato esperimento del tentativo di mediazione, concedeva il termine di quindici giorni per la presentazione della relativa istanza che, tuttavia, non veniva depositata da nessuna delle parti.

Stante quanto sopra, il giudice dichiarava  l’improcedibilità dell’opposizione richiamando, altresì, il principio sancito dalla S.C. con sentenza n. 24629 del 3.12.2015 dal seguente tenore: “l’onere di attivare la procedura è da rinvenirsi in capo all’attore-opponente il quale ha interesse a stimolare la prosecuzione del procedimento di opposizione al fine di ottenere, in caso di fondamento delle proprie doglianze, la revoca o l’annullamento del decreto emesso a favore dall’istituto di credito nella procedura monitoria“.

Tribunale Padova, 28 giugno 2016

Francesca Fioritof.fiorito@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

La domanda della parte attrice che non compare personalmente in mediazione non va sanzionata con la ...

Mediazione bancaria

Non è perentorio, in quanto non finalizzato a scandire le attività del processo civile ordinario, ...

Mediazione bancaria

Secondo il Tribunale di Patti, la formulazione di una proposta di conciliazione da parte del mediato...

Mediazione bancaria