Siete qui: Focus On

Quando è aggredibile il patrimonio della società in concordato preventivo?

Come noto l’art. 168 comma 1 L.F. sancisce che “dalla data della pubblicazione del ricorso nel registro delle imprese e fino al momento in cui il decreto di omologazione del concordato preventivo diventa definitivo, i creditori per titolo o causa anteriore non possono, sotto pena di nullità, iniziare o proseguire azioni esecutive e cautelari sul patrimonio del debitore”.

Da tale norma emerge la struttura complessa del concordato preventivo il quale sembra dividersi in due fasi: una prima fase prettamente giudiziale ed una successiva fase di esecuzione del concordato.

Print Friendly
Scarica il pdf

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

A marzo scorso l’ESMA ha aggiornato le proprie Q&A relative all’attuazione della Direttiva 2...

Focus On

Come incardinare una procedura esecutiva che segue l’esperimento vittorioso dell’azione revoca...

Focus On

Non è infrequente che, durante la “vita” di una società, tanto la pluralità di soggetti quant...

Focus On