Aggiornamento Circolari 288 e 285 sulla verifica del merito del credito al consumatore e sulla valutazione degli immobili

Si rende noto che la Banca d’Italia, nel corso della giornata  ieri 28 settembre 2016, ha pubblicato sul proprio sito gli aggiornamenti alla Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 «Disposizioni di Vigilanza per le banche» e alla Circolare n. 288 del 3 aprile 2015 recante «Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari», le cui modifiche sono volte a dare attuazione agli artt. 120-undecies e 120-duodecies, capo I-bis, titolo VI, del Decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385 (“TUB”).

Si evidenzia, nello specifico, che il D.Lgs. n. 72 del 21 aprile 2016 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 20 maggio 2016 ed entrato in vigore il 4 giugno 2016) che recepisce la direttiva 2014/17/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 4 febbraio 2014 sul credito immobiliare ai consumatori (c.d. “Mortgage Credit Directive”), ha, tra l’altro, introdotto gli artt. 120-undecies e 120-duodecies nel capo I-bis, titolo VI, TUB, relativi alla valutazione del merito creditizio dei consumatori e alla valutazione dei beni immobili costituiti a garanzia.

In particolare:

–      l’art. 120-undecies TUB prevede specifiche regole in materia di valutazione del merito di credito del consumatore che impongono al finanziatore di effettuare un’attenta verifica della capacità dei consumatori di adempiere agli obblighi stabiliti dal contratto di credito;

–      l’art. 120-duodecies TUB disciplina alcuni aspetti relativi alla valutazione dei beni immobili. In particolare, si prevede l’utilizzo da parte dei finanziatori o di soggetti terzi da essi incaricati di standard affidabili per la valutazione degli immobili nonché la competenza sotto il profilo professionale del soggetto che svolge la valutazione degli immobili e la sua indipendenza dal processo di commercializzazione del credito della banca.

Entrambe le disposizioni attribuiscono alla Banca d’Italia il compito di dettare disposizioni di attuazione e, in particolare, di disciplinare le regole relative alla valutazione del merito di credito del consumatore e quelle concernenti la valutazione degli immobili tenendo conto, in quest’ultimo caso, dei dati dell’Osservatorio sul mercato immobiliare (“OMI”) ed eventualmente prevedendo l’applicazione di standard elaborati in sede di autoregolamentazione.

L’attuazione di tali disposizioni, essendo applicabili sia alle banche che agli intermediari finanziari, ha richiesto la modifica della Circolare 285 e della Circolare 288.

Nello specifico:

–          Modifiche ai testi regolamentari

Con l’aggiornamento del 27 settembre 2016 viene modificato:

a)      il Capitolo 3 Parte Prima, Titolo IV, della Circolare 285, relativamente al sistema dei controlli interni.

b)      il Capitolo 1, del Titolo III, della Circolare 288, relativo all’organizzazione amministrativa e contabile e controlli interni.

–          Contenuto delle modifiche

Le disposizioni in materia di valutazione del merito di credito del consumatore, contenute nell’articolo 120-undecies TUB, sono state attuate, per entrambe le circolari, mediante il rinvio recettizio agli Orientamenti dell’Autorità bancaria europea, relativi alle modalità di verifica del merito creditizio del consumatore che le banche devono svolgere, in modo approfondito, prima della conclusione del contratto di credito immobiliare.

Con riguardo alla valutazione dei beni immobili posti a garanzia di finanziamenti, in attuazione dell’articolo 120-duodecies TUB, l’aggiornamento disciplina il ruolo degli organi aziendali e delle funzioni aziendali di controllo nella definizione delle politiche e dei processi per lo svolgimento dell’attività di valutazione degli immobili, i requisiti di professionalità e di indipendenza dal processo di commercializzazione del credito dei periti, e l’affidamento dell’attività di valutazione a periti esterni.

–          Entrata in vigore e termini per l’adeguamento

a)      Circolare 285

Le disposizioni relative alla verifica del merito di credito, ai fini della concessione del credito immobiliare ai consumatori (sesto capoverso del paragrafo 2, Allegato A, Capitolo 3, Titolo IV, Parte Prima, della Circolare 285), entrano in vigore oggi 29 settembre 2016 (giorno successivo a quello della pubblicazione sul sito web della Banca d’Italia).

Le disposizioni relative alla valutazione dei beni immobili (paragrafo 2.2, Allegato A, Capitolo 3, Titolo IV, Parte prima, della Circolare 285), si applicano, invece, a partire dal 1° novembre 2016.

b)      Circolare 288

Le disposizioni relative alla verifica del merito di credito ai fini della concessione del credito immobiliare ai consumatori (quinto capoverso del paragrafo 2.1 “Finanziamenti per cassa”, Titolo III, Capitolo 1, sez. VII della Circolare 288) entrano in vigore oggi 29 settembre 2016 (giorno successivo a quello della pubblicazione sul sito web della Banca d’Italia).

Le disposizioni relative alla valutazione dei beni immobili (paragrafo 2.5 “Valutazione degli immobili posti a garanzia delle esposizioni”, Titolo III, Capitolo 1, sez. VII della Circolare), si applicano, invece, a partire dal 1° novembre 2016.

Entrambe le circolari prevedono che le eventuali valutazioni degli immobili effettuate prima delle predette date di applicazione sono aggiornate, in base ai criteri e agli standard previsti nelle disposizioni, in occasione della prima verifica del loro valore.

Luca Bettinellil.bettinelli@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

L’Autorità bancaria europea (EBA) ha pubblicato, in data 22 marzo 2017, la propria valutazione pe...

Vigilanza

La Vigilanza Bancaria della Banca Centrale Europea - essendo tenuta, ai sensi dell’articolo 100 de...

Vigilanza

Il Comitato di Basilea per la Vigilanza Bancaria ha pubblicato in data 24 febbraio 2017 un nuovo doc...

Vigilanza