Ancora in tema di data certa

La data certa di un contratto di finanziamento può essere ricavata dalle scritture contabili del creditore.

Nel caso di specie, il Tribunale rigettò un’opposizione allo stato passivo, ritenendo che le scritture contabili non potessero provare l’anteriorità, rispetto al fallimento, di un finanziamento, il cui contratto era privo di data certa. Ciò in quanto, con riferimento alla posizione del curatore, non troverebbe applicazione l’art. 2710 c.c., che afferma che i libri bollati e vidimati nelle forme di legge e regolarmente tenuti, “possono fare prova tra imprenditori per i rapporti inerenti all’esercizio dell’impresa”.

La Corte di Cassazione, con la sentenza in commento, ha smentito quanto affermato dal Tribunale, ritenendo errato il ragionamento, appena illustrato, effettuato dal Tribunale stesso.

In particolare, la Corte ha asserito che le scritture contabili, con l’annotazione delle somme erogate a titolo di mutuo, forniscono la prova dell’avvenuta erogazione delle somme mutuate, circostanza da cui è possibile desumere l’anteriorità del finanziamento rispetto alla dichiarazione di fallimento.

Cass., Sez. I Civ., 26 febbraio 2018, n. 4509

Giulia Camilli – g.camilli@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Con la sentenza n. 3949 dello scorso 19 febbraio 2018, la Corte di Cassazione si è pronunciata sul ...

Crisi e procedure concorsuali

Con l’entrata in vigore del D.lgs. n. 159/2011 (c.d. codice antimafia), il legislatore ha delineat...

Crisi e procedure concorsuali

La Corte di Cassazione, chiamata a pronunciarsi sulla esclusione o meno della declaratoria di ineffi...

Crisi e procedure concorsuali