Siete qui: Focus On

Intermediari: best practices per le procedure di adeguata verifica rafforzata sulle Persone Politicamente Esposte

L’utilizzo dei fondi ottenuti illecitamente da soggetti che ricoprono (o hanno ricoperto in un recente passato) cariche pubbliche a seguito di reati quali la corruzione, la concussione o il peculato, può anche tradursi in riciclaggio”.

Questa circostanza assume un ruolo di rilevanza nella normativa di prevenzione e contrasto al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo, ossia il D.lgs. 21 novembre 2007, n. 231. In particolare, la norma in questione impone ai soggetti obbligati di applicare procedure di adeguata verifica rafforzata, nel caso in cui i clienti e/o i relativi titolari effettivi siano Persone Politicamente Esposte.

Print Friendly
Scarica il pdf

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

A marzo scorso l’ESMA ha aggiornato le proprie Q&A relative all’attuazione della Direttiva 2...

Focus On

Come incardinare una procedura esecutiva che segue l’esperimento vittorioso dell’azione revoca...

Focus On

Non è infrequente che, durante la “vita” di una società, tanto la pluralità di soggetti quant...

Focus On